media
home
foto
o1
MaurizioBio
o
n

All'età di 8 anni riceve come regalo da uno zio la prima chitarra, senza risultati apprezzabili. Ci riprova a 12 anni con una fantastica chitarra classica (ma con corde di metallo!!) e con questa comincia a suonare un po' più seriamente. Va a lezione di chitarra ritmica e solfeggio presso un insegnante privato e a 14 anni comincia a suonare nel garage di casa con un amico batterista, facendo cover, ma anche alcuni brani originali. Il primo gruppo è del 1985 (Fantastic Fly poi Crocodile's Evirator) dove canta e suona la chitarra elettrica e con il quale partecipa a diverse rassegne musicali bolognesi e alle selezioni per il festival di Castrocaro con il brano "Meno tredici al duemila" scritto e arrangiato con la collaborazione del bassista Domenico Loparco. Dopo lo scioglimento del gruppo, verso la fine degli anni '80 entra nei Greengroucers , altra band del vasto panorama bolognese di quel decennio, sempre come cantante e chitarrista ritmico. Nel 1991 sostituisce il cantante Paolo Marcheselli nella band rock progressiva Sithonia, e con loro partecipa alla realizzazione di tutti i loro lavori successivi: 5 cd, 4 in studio e 1 live. Tutti questi dischi, grazie alla loro distribuzione e alle tantissime recensioni in varie lingue sono conosciuti dagli appassionati di progressive rock un po' di tutto il mondo. Parallelamente a questa lunga esperienza ha fatto parte degli Opera, gruppo metal-prog, insieme a Roberto Magni e Valerio Roda, con i quali condivideva anche l'esperienza con i Sithonia, e il batterista Maurizio Lettera. Alla fine degli anni '90, insieme a Paolo Nannetti, anche lui componente dei Sithonia, lavora ad un progetto, che dopo vari cambiamenti di formazione, ha dato origine agli attuali MéŽséŽglise. La sua passione per le forme teatrali e il musical lo porta a partecipare (come cantante solista e corista) a diversi progetti del genere, sempre con la regia di Patrizia Caroli, quali "Piazza delle gocce", "C'era una volta" ,"Semplicemente amore" e "La locanda di Emmaus"

Si avvicina al magico mondo della batteria nel 1988 quando inizia a prendere lezioni private che proseguono per 4 anni; in questo periodo e negli anni successivi milita in diverse band sia di cover che di pezzi originali, privilegiando il genere rock, pop e prog. Tra queste spicca l'esperienza con la prog metal band "Opera" con la quale suona dal 1994 al 1999 e incide il demo Ataraxia, ben recensito da alcune riviste specializzate. Nel 1999 decide di approfondire la conoscenza dello strumento e vola negli States, per diplomarsi l'anno seguente presso la scuola di musica "Los Angeles Music Academy" di Pasadena (California), dove studia con insegnanti di fama mondiale, tra cui Joe Porcaro, Ralph Humphrey, Mike Shapiro, Michael Packer. Al rientro in Italia inizia ad insegnare in diverse scuole di musica e nel 2004 conduce il gruppo dei tamburini di San Pietro in Casale (BO). Suona anche in diverse band abbracciando vari generi musicali e nel 2004 entra a far parte della new country & texas music band "The Claw", che diventa presto la band di riferimento italiana per questo genere. Con i The Claw infatti apre i concerti delle più importanti star texane (condividendo con loro il palcoscenico), quali Cory Morrow, Roger Creager, Todd Fritsh, Brent Mason, Dub Miller, Drew Kennedy, Rodney Heyden, Stoney Larue e la rivista americana Texas Music Times dedica al fenomeno The Claw un bell'articolo. I The Claw diventano inoltre la band che accompagna i concerti delle tournŽe italiane di Scott Shipley polistrumentista statunitense di Nashville. Sempre con questa country band suona in tutta la penisola e in Europa, vantando anche alcune date al Four Corners Club in Germania, locale di riferimento europeo per il genere country, e in Italia partecipa ad importanti Festival quali il Savoniero Country Festival, il Pordenone Christmas Country e il Titan Country Night a San Marino. Nel 2012 suona con i Sithonia in occasione dell'evento Prog Made In Bologna. Nel 2013 si concretizza il progetto musicale MŽésŽéglise con l'uscita del disco d'esordio "L'assenza" le cui registrazioni erano già iniziate nel 2006.

MARCO GIOVANNINI

MAURIZIO LETTERA

PAOLO NANNETTI

MAYA SEAGULL

Ha studiato privatamente chitarra, fisarmonica, pianoforte e sassofono, iniziando a scrivere canzoni a 13 anni, incidendole insieme ad un amico con i primi registratori a cassetta. I suoi primi concerti sono quelli di fine anno al liceo, ma l'esordio su un palco è del luglio 1974 con il gruppo Senso Unico Alternato con brani originali e alcune cover di gruppi inglesi di rock progressivo. Negli anni successivi, pur continuando a scrivere canzoni intepretandole come solista,  si impegna anche in diversi gruppi di natura acustica, dove alterna le proprie composizioni a brani solo strumentali: Dieta Folgore (1976-1977) Piantamusica (1978-1980) Nei primi anni '80, spronato dalla passione per il folk europeo, in particolare per la tradizione musicale bretone, forma e porta avanti per diversi anni due gruppi: Molly Maguires e Ortivalse. Contemporaneamente fa parte di un'ensemble toscana (Filo Rosso) con un repertorio dedicato alle canzoni e musiche tradizionali della Toscana e dell'Appennino Tosco Emiliano. Tutte queste esperienze si traducono in una frequente attività live e nella registrazione di diversi demo. Nel 1985/86 fonda i Sithonia, recuperando i suoi inizi nel rock progressivo e con loro incide (nel periodo 1989-2011) 1 LP autoprodotto e 5 CD (dei quali un live) prima con etichetta Mellow Records, poi Lizard. A completare la discografia anche partecipazioni a compilation prodotte da Toast Records e dalla finlandese Colossus. Questi lavori sono distribuiti e recensiti in tutto il mondo e conosciuti dagli appassionati del rock progressivo italiano. Nel 2000 con Marco Giovannini produce l'EP "Un mare di cartone" che sarà l'embrione del progetto MéŽsŽéglise.

Figlia di musicisti, per Maya la musica è  da sempre un punto fermo. Il suo primo palcoscenico è all'età di quattro anni, con il padre ad accompagnarla al pianoforte. Studia canto, pianoforte e chitarra e dai 16 anni in poi, matura esperienze con cover band, gruppi che propongono brani inediti, compositori, arrangiatori, ecc... I generi variano molto, dal rock, all'elettronica, al funky, al pop. Fa parte, nel 1997, del coro Canticum di Bologna diretto da Tania Bellanca, con cui porta in tour spettacoli e musical compresa una libera interpretazione del noto "Jesus Christ Superstar". Presso la stessa Bellanca prosegue lo studio del canto. Fa parte per un periodo del coro del liceo musicale "Orazio Vecchi" di Modena, diretto dal Maestro Carpegna. Vive per quasi un anno a Londra tra il 1999 e il 2000 dove si inserisce come cantante in una band. Proprio a Londra ha l'opportunità di lavorare con Philip Rynhard, musicista inglese di grande talento, grazie al quale conosce uno dei chitarristi di Eric Clapton e lavora con loro agli arrangiamenti vocali e alla registrazione delle "background vocals" di uno dei brani inediti di Philip, "Faded & Torn". Sempre a Londra Maya incide il suo primo demo, dal titolo "Shades of Purple". Nel 2004 partecipa al concorso "Cantalions" organizzato dal Lions Club di Bologna, presentando una canzone scritta da lei e ottenendo entrambi i primi premi come migliore interpretazione e migliore composizione. Fa esperienza, tra il 2003 e il 2004, di musica celtica / irlandese come cantante / chitarrista / tastierista in una band di musica di estrazione celtica, e con loro si esibisce dal vivo con brani inediti e rivisitazioni di brani editi tradizionali, irlandesi e non. Con questo gruppo, tra l'altro, partecipa ad un concorso a livello europeo. Dal 2008 inizia a lavorare agli arrangiamenti di svariati brani inediti in lingua inglese da lei composti, e dopo breve inizia le registrazioni , che sfociano nel suo primo CD, intitolato "Visible Love", pubblicato nel 2011 e attualmente disponibile per l' acquisto. Dal 2011 canta nel coro gospel modenese "Modena Gospel Chorus". La carriera di bassista inizia in realtà quasi per gioco solo recentemente, e il basso si rivela per Maya uno strumento da subito molto amato. Da qui il passo che la porta a collaborare con i MŽésŽéglise è tanto breve quanto naturale, e instaura subito con la band un ottimo feeling musicale e umano, che la porta ad accettare con entusiasmo una collaborazione a lungo termine.

Méséglise

MARIA ROBAEY

Mary

Inizia a muovere i primi traballanti passi nel mondo della musica all'età di sette anni, quando i genitori la iscrivono ad una scuola di avvicinamento alla musica per bambini. Dopo un anno di inutili tentativi con il canto e il piano, quasi per caso scopre il violino e se ne innamora. Inizia a studiare privatamente ed in seguito si iscrive all'Istituto Musicale Orazio Vecchi di Modena, presso il quale si diploma nel 2008. Allo studio della musica classica associa fin dagli anni di conservatorio una grande curiosità per altri generi musicali, che la porta nel 2003 a far parte di un gruppo di estrazione celtica, nel quale conosce Maya. Dopo il diploma approfondisce la passione per la musica etnica, entrando nel 2010 nell'Orchestra Multietnica di Modena e pochi mesi dopo nei Nakriz, gruppo di musica rai nato all'interno della stessa Orchestra Multietnica. L'anno successivo, durante un soggiorno in Siria si appassiona alla musica tradizionale araba e suona in un trio violino – 'oud – chitarra classica. Nel 2010 inizia una collaborazione con la pianista Francesca Fregni che porta alla formazione di un duo che da un repertorio inizialmente classico si sposta pian piano su musiche minimaliste, sonore e arrangiamenti di brani pop e rock famosi. La collaborazione con Francesca, che continua tutt'ora, la porta nel 2011 a partecipare al musical Hairspray. Parallelamente continua a suonare e studiare musica classica, facendo parte dell'orchestra dell'università Ca' Foscari di Venezia, di orchestre giovanili emiliane come l'orchestra dell'associazione Euphonia di Modena, Adrian Ensamble di Reggio Emilia e dal 2012 dell'orchestra Giovanile Uto Ughi per Roma, che si esibisce ogni anno durante l'omonimo festival romano, con la partecipazione solistica dello stesso Maestro Uto Ughi. Negli ultimi anni scopre una nuova passione per il mandolino ed entra a far parte della Piccola Orchestra Mutinae Plectri di Modena.Conosce i Méséglise tramite Maya e ascoltando le loro canzoni si appassiona sempre più al progetto , decidendo finalmente di entrare nella band come violinista

Méséglise 1_2
media home foto